Fine dello specismo

Sessismo, razzismo, specismo: ideologie ingiuste

Nella nostra società, il rapporto che abbiamo con gli animali è basato sullo specismo. Per analogia con il razzismo e il sessismo, lo specismo indica un'ideologia che considera la vita e gli interessi degli animali come insignificanti solo perché appartengono a specie diverse. Lo specismo è indifendibile perché gli esseri umani non sono gli unici a provare sentimenti e quindi dobbiamo rispettare la vita e gli interessi degli altri esseri senzienti che condividono con noi questo pianeta.

Tutti gli esseri senzienti sono uguali

Nonostante le differenze esistenti tra le varie specie, è chiaro che tutti gli esseri senzienti sono uguali nella loro capacità di provare dolore. Non importa quale sia la nostra "razza", sesso o specie, l'elemento fondamentale è che tutti noi proviamo sentimenti, rifuggiamo la sofferenza, non vogliamo essere vittime di violenza e desideriamo vivere la nostra vita nel miglior modo possibile. Le discriminazioni basate sulla specie sono arbitrarie tanto quanto altre discriminazioni basate su criteri illogici. L'uguaglianza contaminata da esclusioni e discriminazioni arbitrarie è per definizione disuguaglianza, ingiustizia.

Tutti gli esseri senzienti, indipendentemente dalla specie a cui appartengono, devono quindi essere inclusi nel cerchio della considerazione morale. Ciò non significa trattarli tutti in modo identico ma prendere in reale considerazione i loro interessi, come se fossero i nostri.

Negare l'intelligenza per trascurare gli interessi?

La nostra società non disprezza i bambini o gli adulti con invalidità mentali, anche se le loro capacità intellettuali sono ridotte, ma giustamente garantisce loro una maggiore protezione. Anche queste persone soffrono, non sono in grado di difendersi e quindi vanno protette. Allo stesso modo, a prescindere dalle loro facoltà mentali, gli animali sono esseri senzienti che desiderano vivere a lungo e felicemente e anche loro vanno protetti. Sempre più studi dimostrano inoltre che abbiamo sottovalutato di moltissimo le capacità mentali di gran parte degli animali.1

Etologia: gli animali sono individui a tutti gli effetti

Ben lungi dallo sposare la teoria dell'animale-macchina, gli etologi moderni ci invitano a vedere gli animali come individui a tutti gli effetti, che provano emozioni, mostrano preferenze, desideri e una loro personalità. Ora sappiamo che gli animali hanno autocoscienza, cultura, altruismo e la capacità di utilizzare strumenti.

La società deve cambiare

Ingiustizie del passato come la schiavitù e lo status inferiore assegnato alle donne sono state abolite o ridotte. Anche quelle erano talmente radicate nella coscienza collettiva da essere considerate eterne. Ma la storia ha mostrato il contrario e possiamo facilmente immaginare che un giorno i mattatoi diverranno un simbolo di barbarie. Sempre più persone stanno iniziando a prendere posizione contro le ingiustizie verso gli animali e questo argomento ha dato vita a uno dei dibattiti sociali più importanti del nostro tempo.

L'obiettivo della Giornata Mondiale per la Fine dello Specismo è denunciare l'ideologia ingiusta che rende possibile questa barbarie.

Stiamo lavorando per realizzare un mondo che tenga conto della vita e degli interessi di tutti. Questo mondo non è così lontano. Lavoriamo insieme perché diventi al più presto realtà!


1 Di recente, lo scimpanzé Ayumu ha smentito l'idea per cui gli esseri umani hanno sempre abilità mentali migliori degli altri animali, battendo gli esseri umani in un test di memoria:https://www.youtube.com/watch?v=zsXP8qeFF6A